Arredare con i tappeti: perché e come farlo nel modo migliore

Pubblicato il06/03/2024 806
Preferito0

Arredare con i tappeti: perché e come farlo nel modo migliore

 

Un tappeto è tutt’altro che un complemento di secondo ordine per una casa accogliente, armonica e ben organizzata. La sua scelta può rivelarsi più complessa del previsto, vista la vasta gamma di tappeti d’arredo che offre il mercato: tappeti moderni, classici, persiani o vintage, tappeti in fantasia o a tinta unita, tappeti fatti a mano o tessuti a macchina, tappeti personalizzati, e così via. Ma perché arredare con i tappeti è una scelta intelligente e quali sono i consigli utili per farlo al meglio?

 

Cosa significa arredare

 

La parola arredare trova origine da un termine gotico, (ga)redan che significa “prendersi cura” o “aver cura di qualcosa” o ancora “mettere in ordine”.

Contrariamente a quanto comunemente si pensa, dunque, arredare non significa soltanto completare una casa con dei mobili, ma anche abbellirla con complementi d’arredo o decorazioni che le donino ordine ed armonia, trasformandola in un luogo prezioso, un posto accogliente dove stare con piacere.

L’arredamento, pertanto, comprende anche i tappeti, i quali svolgono un ruolo fondamentale in ogni abitazione. Vediamo perché!

arredare con i tappeti

Arredare con i tappeti: i 4 “Perché”

 

Perché un’abitazione risulti ospitale e confortevole per chi vi abita e per i suoi ospiti, i tappeti sono un complemento fondamentale che non dovrebbe mai mancare.
Un tappeto ti può aiutare nell’arredare la tua casa anche perché:

– Attutisce i rumori (basti pensare a quelli dei passi o della caduta di qualche oggetto);
– Ammortizza le cadute ed evita brutti scivoloni (sono infatti il luogo ideale dove far giocare i più piccoli);
– Contribuisce a definire gli spazi di una stanza e a modificarne la percezione (possono far sembrare un ambiente più ampio o più luminoso e a concentrare l’attenzione su delle aree in particolare);
– Aiuta a creare un preciso stile e a donare maggiore accoglienza alla stanza in cui viene posizionato.

arredare con i tappeti 

Tipologie di tappeto: moderno, classico, vintage

 

Moderno. Cosa vuol dire? Ci viene in aiuto il vocabolario Treccani che declina il termine in ambito d’arredamento come “espressione di un gusto e di una sensibilità tipicamente attuali”, contrapponendolo ai termini antiquato, vecchio, e talvolta anche a tradizionale, convenzionale.

Lo stile moderno nei tappeti è quindi qualcosa di nuovo, fuori dagli schemi, non già visto, non classico. Qualcosa che ci può sorprendere e in linea con le nuove tendenze, sia per quanto riguarda i colori che per quanto riguarda le fantasie.

Questo genere di tappeti ben si sposa con arredi moderni, lineari, monocromatici o in tinte neutre.

 

Lo stile classico nei tappeti vanta, invece, decori ricchi e importanti che richiamano alla mente tradizione, fascino ed eleganza del passato.

Ne sono l’esempio più lampante i tappeti persiani che, se ben abbinati, si addicono a qualsiasi stile d’arredo.

Iconograficamente, l’elemento principale che caratterizza un tappeto classico persiano è la presenza di simboli legati al mondo animale, vegetale, religioso o di uno o più medaglioni centrali in varie fogge, decorate con motivi floreali o geometrici.
I tappeti persiani sono solitamente realizzati con lana attentamente selezionata e lavorata a mano da esperti tessitori, come vuole la tradizione.

 

Un tappeto vintage nasce dal desiderio di donare una seconda vita ad un tappeto antico, consumato.

Tuttavia, questi complementi molto amati e richiesti, sono diventati negli anni un vero trend nel mondo dell’interior design.
Con l’aumentare della domanda è aumentata anche l’offerta di tappeti contemporanei e moderni, realizzati con un “effetto vintage”: slavati, sbiaditi, vissuti e all’occhio consumati dal tempo.

arredare con i tappeti 

4 consigli per arredare “bene” con i tappeti

 

Quando si decide di acquistare un tappeto per la propria casa, a farla da padrone nella scelta entrano in campo vari fattori: budget, stile degli ambienti e dei mobili, spazio a disposizione e i nostri gusti in fatto di estetica.
Non viene spontaneo ma è molto importante, prima dell’acquisto, chiedersi dove e come di preciso andrà posizionato.
In base a queste considerazioni, potremmo dover cambiare idea sulla misura, sulla forma e anche sul colore.

 

Quali sono gli errori da evitare?

– Per scongiurare “l’effetto moquette” dovrai evitare di acquistare un tappeto troppo grande o di posizionarlo troppo vicino alle pareti (tienilo almeno a 40/50 cm dal muro).
– Come un tappeto troppo ampio rischia di penalizzare la tua stanza, un tappeto troppo piccolo può apparire come un oggetto “capitato lì per caso”, pena l’effetto estetico dell’ambiente.
– Non accostare tra loro tappeti di stile diverso: puoi usare tappeti diversi ma con caratteristiche simili (di stile, colore o fantasia).
– Se desideri posizionarlo in sala da pranzo, acquistalo della stessa forma del tavolo e abbastanza grande da poterlo posizionare, assieme alle sedie, comodamente al suo interno.
– Se desideri posizionarlo in camera, puoi sceglierne due abbinati da posizionare ai lati del letto (da qui il nome “scendi-letto”), oppure uno molto ampio al di sotto di esso e che fuoriesca da tre lati.
– Se desideri posizionarlo in salotto, abbinalo alla dimensione di divani e poltrone e posizionalo appena sotto alla loro base. NO a tappeti più piccoli del divano principale! Qualora il tuo living sia di dimensioni notevoli, solo in questo caso, puoi scegliere un tappeto molto grande, che racchiuda al suo interno e nella totalità divani, poltrone e coffee table.
– Opta per tappeti di qualità! Molti, nella convinzione di fare un “affare”, investono in tappeti economici ma di scarsa qualità i quali, dovranno essere sostituiti di frequente.

Prodotti correlati
Articoli correlati
Lascia un commento
Lasciare una risposta
Si prega di login per inviare un commento.

Dal menu

Impostazioni

Condividi

Creare un account gratuito per salvare elementi amati.

Accedi